Capaccio: “Sport e Disabili” di Mara Notari

Capaccio: “Sport e Disabili” di Mara Notari

 

Senza-ostacoli-workshop-su-sport-e-disabilita_imagefullwide

Giovedì 8 gennaio 2015 si è tenuto a Capaccio Scalo (SA), presso la biblioteca comunale, l’incontro dal titolo “Sport e Disabili”, tra associazioni di volontariato per i diversabili e le associazioni sportive territoriali, organizzato dall’Assessore allo Sport e Tempo libero, Francesco Sica e dall’Asses-sore alle Politiche Sociali, Marilena Montefusco.

Il fine è creare una rete sinergica tra le associazioni, per dare vita a un progetto che coinvolga i diversabili e le loro famiglie.

Rilevante si è dimostrata la partecipazione della Campionessa Italiana di Pesistica Paralimpica FIPE (Federazione Italiana Pesistica Paralimpica), Anna Bruno, la quale, con la sua testimonianza, ha esposto – da atleta diversabile – le difficoltà incontrate nella programmazione della sua attività agonistica, sottolineando, tra l’altro, l’importanza dello sport a livello motorio e psichico.

Per ciò che concerne la parte tecnica, è intervenuto l’allenatore e Delegato Provinciale di Salerno della FIPE, Luigi Di Maio, il quale si è soffermato sulla necessità di stimolare i neurorecettori riabilitativi dei praticanti e di instaurare con questi una condivisione empatica.

Le associazioni sportive, dal loro canto, pur dichiarandosi disponibili hanno, però, evidenziato le difficoltà riscontrate nell’applicazione pratica del protocollo allenante per gli atleti diversabili e l’impossibilità di creare squadre miste (tra normodotati e non), perché esistono due tipologie di campionati, differenziati tra loro per regolamento cui le associazioni sono vincolate, il quale è vissuto come discriminante dalle famiglie dei diversabili.

Intervenendo su questo punto sensibile, il delegato Di Maio ha individuato nelle figure professionali del medico dello sport, dell’allenatore, del sociologo e dello psicologo, i possessori di competenze adeguate per la realizzazione integrata del progetto.

L’amministrazione comunale di Capaccio Scalo, a sua volta, ha dichiarato la sua disponibilità a concedere la struttura logistica e le attrezzature necessarie per sostenerlo.

 

 

 

Mara Notari